Benvenuti o Bentornati su Dveneris. Siamo tutti abituati ad avere a disposizione una grandissima varietà di prodotti Make-up, e le varie epoche sono state scandite da diverse concezioni sul Trucco. In realtà, quelli che sono stati i progressi più incisivi nel make up dei tempi moderni,soprattutto per la base, si deve per lo più alle esigenze sceniche, che dal teatro si spostano ai primi cinematografi. Innovazioni ancora più profonde sono apparse sin da subito necessarie quando dal bianco e nero si passò al Technicolor. Lo sa bene Max Factor che per primo inventò il fondotinta, per rispondere ad un problema molto rilevante: la pelle degli attori appariva sugli schermi mattone o peggio ancora Blu. Probabilmente avrai strabuzzato gli occhi! ;). La tecnica del cinema a colori era ancora primitiva e non riusciva di per sé a risolvere questo grave difetto. Immaginate Vivien Leigh come una puffetta, in Via col Vento, o una Judy Garland in Il Mago di Oz completamente blu, altro che Scarpette di Rubino, mia cara Dorothy!

Max Factor’s Pan Cake Advertising

Ecco che, per ovviare a questo problema, Max Factor introduce per primo un prodotto chiamato Pan Cake. Un fondotinta a base cerosa che ,dopo esser stato attivato con dell’acqua, veniva applicato con una spugnetta. Era il 1935.

Molto più pratico della variante precedente, il Pan Stick ottenne un successo portentoso, diventando l’ oggetto del desiderio di tutte le donne.  Il pratico panetto in stick poteva essere applicato anche semplicemente con le dita, velocemente. Non erano più necessari acqua e spugnetta. 

Tutte le dive di Hollywood amano questo prodotto, e non vogliono assolutamente rinunciare al loro viso completamente privo di diffetti nella vita quotidiana e per questa ragione iniziano a farne grande scorta. Successivamente per accontentare le donne che volevano imitare le loro attrici preferite, Francis Factor, figlio del grande Max che in seguito assunse il nome di Max Factor Jr immise nel mercato il Pan Stick, nel 1947. ( dei rumors raccontano che Max Factor Senior non volesse che il fondotinta fosse diffuso tra la gente comune).

Max Factor’s Pan Stick, Rita Hayworth

Dopo anni in cui il Pan Stick è diventato un grande alleato di bellezza, l’uso di fondotinta in panetto o in stick è andato man mano sempre meno frequente. Texture liquide, in crema ed in polvere gli venivano preferite, anche se l’intramontabile Pan Stick di Max Factor è ancora in vendita e costituisce ancor oggi uno dei loro best seller( ed accidenti se non è coprente!)

Le mode passano ma spesso ritornano, ecco che ultimanente  molte case cosmetiche sono tornate a progettare e formulare fondotinta in stick. Tra i più celebri troviamo  sicuramente quello di Hourglass (Vanish Foundation), Shiseido( The Make up  Stick fondation), e MakeUp ForEver (fondotinta Stick HD e Ultra Hd). Tutti sono costituiti da cere ma anche e soprattutto da siliconi.  E per noi che vorremmo una soluzione Silicon Free, che magari fosse anche privo di petrolati e parabeni?  

Ecco che Neve Cosmetics  introduce lo Star System Foundation. 

Star System,  Neve Cosmetics

Neve Cosmetics ci stupisce con un nuovo fondotinta  in Stick . A Base di cere ma soprattutto arrichito da cera di crusca di riso e dalla presenza di oli di Jojoba,la confezione dello Star System appare fin da subito perfetta per la sua concezione d’uso. Compatto, pratico da usare e dotato di un sistema a doppio tappo. Quello color argento nasconde, infatti, una bella sorpresa, una e piccola spugna a punta che permette una semplice ed agevole applicazione  sia per i ritocchi, che per sfumare il fondotinta sotto agli occhi e agli angoli del naso. Lo Star System infatti è stato pensato come prodotto veloce e comodo da portare con sé.  Per questa ragione la sua formula risulta essere priva di Acqua. Così come sostiene Neve Cosmetics questo prodotto “è tutta Sostanza”!

Questa è anche la risposta che viene data a tutti i consumatori che hanno manifestato perplessità in merito alla quantità ridotta (“solo” 4 ml) contenuta in una confezione “troppo grande e dal prezzo troppo alto”. La beauty community si è scatenata proprio su questo punto affermando che sì, lo star system è un ottimo prodotto con un valido inci, ma che probabilmente avrebbe dovuto avere un prezzo più contenuto in proporzione al quantitativo presente in nell’iconico tubetto color lilla.

Star System Neve Cosmetics, spugna e quantitativo totale  

 Posso dire la mia? Ho usato lo Star System giorno per giorno negli ultimi mesi, ho maturato una posizione dettata dall’uso pratico. È vero che qualche ml in più, mi avrebbero fatto piacere( ma, è vero anche che qualche ml in più non li avrei disdegnati nemmeno se fossero stati 30!) 

Con un uso intensivo dato da una applicazione ogni giorno , sia come fondotinta che come correttore, dall’utilizzo, anche fuori casa, per i ritocchi,  una singola confezione è durata poco più di due mesi. Niente male,per una quantità così ridotta, sbaglio?   Credo che questo dato di per sé sia in grado di fugare ogni  mio dubbio.

Il quantitativo necessario ad avere una media coerenza è davvero poco, per un’alta coprenza, invece, è possibile stratificare il prodotto, in più questo fondotinta ha il pregio di poter essere usato anche sul contorno occhi, nascondendo in modo molto efficace anche le occhiaie più scure, cosa assolutamente da non sottovalutare se si considera il risparmio che ne consegue e la praticità di non aver bisogno di un correttore, soprattutto quando siamo in viaggio o siamo fuori tutto il giorno e non vogliamo rinunciare se non ad una full face, almeno ad una base  perfetta.

Lo Star System è un fondotinta indicato per tutti i tipi di pelle, da secca a mista,passando dalla normale fino ad arrivare ad una pelle grassa.  Naturlamente con delle accortezze: Per quanto riguarda la pelle secca e quella normale, questo prodotto non necessita di fissaggio, mentre, per una pelle particolarmente tendente a produrre sebo è consigliabile l’applicazione di un velo di cipria( giusto un pizzico per non rischiare di mettere in evidenza la grana e se volessimo rimanere sullo stesso brand, io vi consiglio  di provare la Velvet matte o, per chi preferisce la cipria in polere libera  ed un effetto “photoready”, la Hollywood).  Una volta applicato la pelle appare luminosa, ma non lucida, cosa che me lo fa apprezzare tantissimo.

Nonostante abbia una pelle mista grassa, trovo che l’effetto eccessivamente matte invecchi e renda il viso particolarmente piatto e privo di volumi. Bene, tutto ciò non avviene con lo Star System.  Penso ,infatti, che  al contrario, questo fondotinta li  esalti . E al fine di non perdere questo effetto così luminoso e tridimensionale, amo fissarlo solo ed esclusivamente sul contorno occhi. Ho, in questo modo, potuto notare che si fonde perfettamente con il mio incarnato sia per texure che per shade (la mia è la Fair neutral) anche senza uso di primer .  quando rinuncio agli step primer e cipria inizio a lucidare leggermente dopo 5 h circa. La lucidità che riscontro, però, non è quella odiosa sensazione di unto, che esteticamente diventa orribile quando in pratica il prodotto si separa sul viso e si raggruma intorno ai pori( se hai presente a cosa mi riferisco, qua la zampa sorella!), la grana rimane visivamente bella.  Questo è un grosso punto a favore di questo fondotinta.

Come si  Applica?

Lo Star System può essere direttamente applicato con lo stick sulla pelle, oppure si può prelevare del prodotto con le dita o con il pennello.

Lo Star System può essere direttamente applicato con lo stick sulla pelle, oppure si può prelevare del prodotto con le dita o con il pennello.

Come si sfuma? 

Neve Cosmetics consiglia quattro  modalità differenti che a mio parere si adattano diversamente ai differenti tipi di pelle:

–       Con la Beauty Sponge – perfetta per sfumare velocemente, ho notato che picchiettando e trascinando dolcemente si ottiene un ottimo risultato. A mio parere questa è l’applicazione più adatta a chi ha una pelle mista grassa,chi ha dei pori dilatati e per chi ha una pelle delicata ,perché non prevede una eccessiva pressione o sfregamento sulla pelle. La coprenza muterà a seconda se si preferisce l’utilizzo da bagnata (coprenza più leggera) o da asciutta (  coprenza maggiore)

–       Con il pennello – semplice da sfumare, questo fondotinta collabora bene sia con i flat buki , che con i pennelli densi e compatti.  Se volessimo individuare una scelta tra quelli di Neve Cosmetics, la mia preferenza va sicuramente verso il pennello Merge.

–       Con le dita. Questa è la modalità alla vecchia maniera. Consiglio questo metodo soprattutto a chi ha una pelle tendente al secco ( ma non eccessivamente arida con pellicine) questo perché il calore dei polpastrelli riscalderà il prodotto, rendendo l’applicazione più omogenea e più fluida.

–       Con la mini spugnetta incorporata. Essendo mini, naturalmente, è meno idonea all’applicazione a tutto viso, ma sicuramente è perfetta per gli angoletti, io la vedo adatta ai ritocchi on the go, e per sfumare il prodotto agli angoli del naso e sulla zona del contorno occhi quando si adotta la tecnica di applicazione con le dita.

Un altro pregio è la sua capacità, di cui abbiamo appena parlato,  di essere facilmente ritoccato. l’intervento di retouch non si vedrà neppure.

La Spugnetta

Passando a valutare la spugnetta nel dettaglio, credevo, in origine, che fosse troppo “dura” e che fosse uno di quei classici accessori che si finisce  a non usare( pennelli inseriti nelle palette, sì, sto s-parlando di voi!!!)  ho scoperto invece che la spughetta incorporata nello Star System sfuma perfettamente il fondotinta e  che la sua forma a punta e la sua dimensione ridotta la rende l’ideale per le zone del viso che non sono comode da truccare con le dita o con tools troppo grandi (gli angoli del naso e il contorno occhi in primis!). Mi ha stupita anche nella fase del lavaggio : ero talmente prevenuta da pensare che sarebbe rimasta sporca “finchè fine del tubetto non ci separi”, invece l’ho lavata velocemente e senza fatica con del semplice sapone. Quindi, inaspettatamente la promuovo.

Shades

Infine valuto molto positivamente la gamma colori. Per me che in pratica solo l’incarnazione del bianco, è molto difficile trovare prodotti per la base adatti al mio tono e al mio sottotono lievemente rosato. Fair neutral è particolarmente chiaro e dal sottotono neutro che facilmente si rende adattabile. È in pratica la mia shade.

In realtà neve cosmetics mi ha già da tempo conquistata con la sua gamma colori. Qui vedete un confronto tra le varianti di fontotinta Neve Cosmetics, tutte in Fair Neutral, in mio possesso : Fondotinta minerale in polvere High Coverage, Flat Perfection ed infine lui, lo Star System Neve Cosmetics. ( Mi dispiace non potervi mostrare il loro fratello Creamy Confort, ma non ho ancora avuto modo di provarlo). 

I colori disponibili erano in origine 9, rispettando la gamma cromatica a cui Neve Cosmetics ci aveva fino ad allora abituati,  con la recente aggiunta delle shade  Rich Warm e Deep Neutral,  viene esteso il range  alle carnagioni più ambrate.

Passiamo alla descrizione realizzata da Neve stessa per indicare ciascuna delle colorazioni in gamma:

Light Rose – Tonalità chiara dal sottotono rosato. La gradazione rosata nata per la pelle nordica dal sottotono freddo. La sua tonalità risulta naturalissima sulle carnagioni rosate e chiare (ma non pallidissime: per queste ultime c’è il Fair Neutral!). E’ perfetto soprattutto per bionde e rosse naturali con la pelle delicata che si arrossa facilmente e che al sole si scotta subito. Se sulla tua pelle quasi tutti i fondotinta risultano troppo gialli probabilmente sei Light Rose.

Fair NeutralTonalità chiarissima dal sottotono neutro. Fair Neutral è la tonalità di fondotinta più chiara in assoluto.
Ideale per le bionde naturali che non si abbronzano mai, le amanti del look gotico, le pallidissime dall’incarnato di alabastro. Lo abbiamo creato per la felicità di chi fatica a trovare un fondotinta chiarissimo ma dall’effetto assolutamente naturale.

Light NeutralTonalità chiara dal sottotono neutro. 
Per le pelli chiare dal colore naturale, che non tendono nè al giallo nè al rosa. Light Neutral è il fondotinta famoso per abbinarsi a quasi tutte le carnagioni, soprattutto nei mesi invernali. Se hai origine caucasica (capelli tra il biondo ed il castano), la tua pelle è chiara e fatica ad abbronzarsi, probabilmente questo è il tuo colore.

Light WarmTonalità chiara dal sottotono caldo. Il fondotinta per le pelli chiare ma non fredde: a differenza del Light Neutral ha un sottotono ambrato che lo rende ideale per le pelli mediterranee pallide. Se sulla tua pelle quasi tutti i fondotinta chiari risultano troppo rosati probabilmente sei Light Warm.

Medium neutral– Tonalità media dal sottotono neutro. Per pelli di colore intermedio, nè pallide nè scure. Perfetto per le castane che si abbronzano senza sforzi ma non hanno una carnagione troppo mediterranea. Se il colore della tua pelle si può definire “normale” (nè pallida nè abbronzata, nè rosata nè olivastra) il tuo colore è Medium Neutral.

Medium warmTonalità media dal sottotono caldo e mediterraneo. Per le pelli di tonalità media (né pallida né scura) e dorata, che si abbronzano facilmente. Perfetto per le mediterranee dal sottotono leggermente olivastro.

Tan neutralTonalità scura dal sottotono neutro. Il colore naturale per le pelli abbronzate o scure che non hanno sottotoni dorati nè mediterranei. Perfetto anche per scurire i fondotinta di tonalità troppo chiara.

Tan warm– Tonalità scura dal sottotono caldo e mediterraneo. Il colore per le pelli abbronzate, scure e dal sottotono caldo-olivastro.

Dark warmIl  colore più scuro in assoluto per le pelli molto abbronzate, scure e dal sottotono caldo. Questa Descrizione in realtà era calzante quando ancora non era stata estesa la proposta colori.  Io definirei questa shade come la versione più scura delle proposte che Neve Cosmedics dedica alle pelli chiare ma abbronzate o ambrate con sottotono caldo.

Rich Warm– Tonalità scurissima dal sottotono caldo. Ideale per le carnagioni naturalmente scure, color caramello.

Deep neutral– Tonalità estremamente scura dal sottotono neutro. Ideale per le carnagioni scurissime, color cioccolato fondente.

Qui sotto potete trovare l’INCI dello Star System con riferimento alla shade Fair Neutral che poi è anche quella che si adatta al mio incarnato.

Info finali –  INCI Quantità, Reperibilità e Prezzo

                                                                                                                                                                                                                                                    INGREDIENTS: CAPRYLIC / CAPRIC TRIGLYCERIDE, OCTYLDODECANOL, RICINUS COMMUNIS SEED OIL / RICINUS COMMUNIS (CASTOR) SEED OIL, CANDELILLA CERA / EUPHORBIA CERIFERA (CANDELILLA) WAX, KAOLIN, ORYZA SATIVA BRAN CERA (RICE BRAN WAX), COPERNICIA CERIFERA CERA / COPERNICIA CERIFERA (CARNAUBA) WAX, CETYL ALCOHOL, ADANSONIA DIGITATA (BAOBAB) OIL, OLEA EUROPAEA FRUIT OIL / OLEA EUROPAEA (OLIVE) FRUIT OIL, TOCOPHERYL ACETATE, TOCOPHEROL, BENZYL ALCOHOL, DEHYDROACETIC ACID, POLYHYDROXYSTEARIC ACID, STEARIC ACID, ALUMINA. MAY CONTAIN: C.I. 77891 (TITANIUM DIOXIDE), MICA, C.I. 77491 -77492 – 77499 (IRON OXIDES). 

Lo Star System contiene 4ml di prodotto , ed è disponibile al prezzo di €14,90 per l’intera rete di distribuzione, nelle bioprofumerie, erboristerie parafarmacie e negli shop on line che rivendono Neve cosmetics. Ultimo ma non per importanza lo Star System è sempre presente sullo e-store ufficiale www.nevecosmetics.it

Rimanete sempre connessi con DVeneris.